W3C

Il World Wide Web Consortium lancia il Rule Interchange Format Working Group

Obiettivo del W3C è associare Business Rule e Web Architecture

Contatti Americhe ed Australia --
Janet Daly, <janet@w3.org>, +1.617.253.5884
Contatti Europa, Africa e Medio Oriente --
Marie-Claire Forgue, <mcf@w3.org>, +33.492.38.75.94
Contatti Asia --
Yasuyuki Hirakawa <chibao@w3.org>, +81.466.49.1170

(disponibile in Inglese, Francese, Giapponese e tradotta in altre lingue dagli Uffici W3C )


http://www.w3.org/ -- 7 novembre 2005 -- Oggi il World Wide Web Consortium annuncia la formazione del Rule Interchange Format (RIF) Working Group, con l'obiettivo di produrre metodi standard per l'interscambio di regole sul Web. Le regole costituiscono un elemento chiave della visione del Semantic Web, permettendo integrazione, derivazione e trasformazione dei dati da risorse multiple, in modo distribuito, trasparente e scalabile.

"Dopo anni di lavoro in ambito di ricerca e industriale nei rule language, sono lieto di vedere i Membri W3C lavorare allo sviluppo di uno standard di regole Web-based," ha dichiarato Tim Berners-Lee, Direttore W3C. "L'unione di fornitori di business rule, comunità di utenti, designer di rule language e sviluppatori di Semantic Web, per creare un rule standard, è un passo importante per il conseguimento della massima potenza del Semantic Web."

Il Rule Standard aumenta la potenza delle applicazioni-business

L'annuncio di oggi è un passo importante per la riunione di leader nello sviluppo di business rule, sviluppatori del Semantic Web, ed utenti finali, nello sforzo congiunto di identificare i requisiti per un Rule Interchange Format comune per il Web. Un Rule Interchange Format fornirà il modo di rappresentare nuovi e stabili rule language, permettendo che le regole scritte per una applicazione siano pubblicate, condivise, mescolate e riutilizzate in altre e anche da altri rule engine. Questo faciliterà l'integrazione di fonti di dati personali, dipartimentali, fonti aziendali e pubbliche e la capacità di trarre nuove conclusioni. Rule Interchange Format potrebbe, ad esempio, aiutare le aziende a trovare nuovi clienti, i medici a validare le ricette e le banche a migliorare le applicazioni che gestiscono il prestito bancario. Con un Rule Interchange Format per il Web, le convenzionali rule technology risulteranno potenziate, non solo attraverso le consuete economie di standardizzazione, ma specificamente con ciò che l'infrastruttura Semantic Web offre: la possibilità di scambiare e fondere regole provenienti da fonti differenti.

Le Business Rules diventano più potenti se accoppiate con la Web Architecture

Il collegamento del mercato dinamico delle business rule con la Web architecture è cominciato con il riuscitissimo W3C Workshop on Rule Languages for Interoperability dell'aprile 2005, che ha riunito oltre sessanta industrie ed organizzazioni di ricerca che operano in quest'area, quali ILOG, Fair Isaac, Pegasystems, IBM, Oracle, Agfa, GM ed altre. Il nuovo W3C RIF Working Group è stato istituito per venire incontro alle necessità di diverse comunità e produrre un core rule language corredato di estensioni che permettano di tradurre le regole tra rule language, così da inserirle facilmente nei rule system.

Maggiori informazioni sono disponibili sulla W3C Rule Interchange Format home page.

Il finanziamento maggiore per questo lavoro proviene dal DARPA, quale parte del programma DAML ai sensi dell'accordo cooperativo MIT/AFRL numero F30602-00-2-0593.

Il World Wide Web Consortium [W3C]

Il W3C è stato creato per portare il Web al massimo del suo potenziale, sviluppando protocolli comuni che permettano la sua evoluzione e ne assicurino l'interoperabilità. È un consorzio industriale internazionale guidato congiuntamente da dal MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) negli USA, European Research Consortium for Informatics and Mathematics (ERCIM) con sede amministrativa in Francia e and Keio University in Giappone. I servizi forniti dal Consorzio includono: un archivio di informazioni sul World Wide Web per sviluppatori ed utenti, vari prototipi e applicazioni campione per dimostrare l'utilizzo della nuova tecnologia. Ad oggi, oltre 400 organizzazioni sono Membri del W3C. Per ulteriori informazioni: http://www.w3.org/